Telefono e Fax

Tel: 0688650368 Fax: 06233201556

Commercialista, Mediatore Civile, Consulenza del Lavoro
Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato

Pagamenti retribuzioni con mezzi tracciabili: precisazioni dall'INL

Lunedì 17/09/2018, a cura di AteneoWeb S.r.l.


L'Ispettorato Nazionale del Lavoro, con Nota prot. n. 7369 del 10 settembre 2018, ha fornito chiarimenti al proprio personale ispettivo in merito alle modalità di verifica dell'osservazione degli obblighi introdotti dall'art. 1, commi 910-913, L. n. 205/2017 e dell'effettività dei pagamenti realizzati mediante gli strumenti tracciabili.

Tra i chiarimenti forniti l'INL precisa che il divieto di pagamento in contanti, in vigore dall'1 luglio 2018, riguarda ciascun elemento della retribuzione ed ogni anticipo della stessa.

Tale divieto, invece, non riguarda la "corresponsione di somme dovute a diverso titolo, quali ad esempio quelle imputabili a spese che i lavoratori sostengono nell'interesse del datore di lavoro e nell'esecuzione della prestazione (es: anticipi e/o rimborso spese di viaggio, vitto, alloggio)", che potranno quindi continuare ad essere corrisposte in contanti.

L'Istituto poi, in tema di indennità di trasferta, afferma che, data la sua natura "mista" (risarcitoria e retributiva solo quando superi un determinato importo ed abbia determinate caratteristiche), deve essere ricompresa nell'ambito degli obblighi di tracciabilità, diversamente da quello che avviene rispetto a somme versate esclusivamente a titolo di rimborso (chiaramente documentato) che hanno natura solo restitutoria.

Infine l'INL ritiene "conforme alla ratio della disposizione" anche l'ipotesi in cui il pagamento delle retribuzioni venga effettuato al lavoratore in contanti presso lo sportello bancario ove il datore di lavoro abbia aperto e risulti intestatario di un conto corrente o conto di pagamento ordinario soggetto alle dovute registrazioni.

L'istituto precisa ancora che il pagamento delle retribuzioni con vaglia postali è ammesso sempreché quest'ultimi siano emessi con l'indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità e vengano esplicitati nella causale i dati essenziali dell'operazione (indicazione del datore di lavoro che effettua il versamento e del lavoratore/ beneficiario, data ed importo dell'operazione ed il mese di riferimento della retribuzione).

Fonte: https://www.ispettorato.gov.it
Notizie
Oggi
Il revisore cancellato per morosità può reiscriversi al Registro della revisione legale una volta versato...
 
Oggi
Con il Principio di diritto n. 19 del 18 giugno scorso l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che il regime...
 
Oggi
L'articolo 1, comma 201, della legge 27 dicembre 2017, n. 205, riconosce alle fondazioni bancarie, un...
 
Oggi
L'INPS, con la circolare n. 91 del 17 giugno 2019, rende noto i contributi obbligatori dovuti, per l'anno...
 
Oggi
L'Inail informa che, nei 20 minuti di apertura dello sportello telematico nel "click day",...
 
altre notizie »
 

Studio Dott.ssa Marisa Cecoli

Via dei Prati Fiscali, 215 - 00141 Roma (RM)

Tel: 0688650368 - Fax: 06233201556

Email: info@studiocecoli.it

P.IVA: 06335641004