Telefono e Fax

Tel: 0625210968 Fax: 06233201556

Commercialista, Mediatore Civile, Consulente del Lavoro
Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato

NUOVO ANTIRICICLAGGIO: obblighi di comunicazione per società - associazioni - trust

Mercoledì 23/08/2017

a cura di Studio Valter Franco


Obbligo a carico di società e persone giuridiche private
L'articolo 21, c. 1 e 2, del decreto prevede che le imprese dotate di personalità giuridica iscritte nel registro delle imprese e le persone giuridiche private di cui al D.P.R. 10/02/2000 n. 361
  • comunichino al registro delle imprese le informazioni relative al titolare effettivo
  • in via esclusivamente telematica
  • in esenzione da imposta di bollo


per l'iscrizione in apposita sezione ad accesso riservato.

L'omessa comunicazione è punita con la sanzione prevista dall'art. 2630 Codice Civile, cioè da 206 a 2.065 euro.

L'accesso a tale sezione è consentito, oltre che al Ministero dell'economia, alla Direzione Antimafia, all'Unità di Informazione Finanziaria, al Nucleo di Polizia valutaria della Guardia di Finanza ed anche alle autorità preposte al contrasto dell'evasione fiscale; l'accesso è consentito anche ai professionisti obbligati all'adeguata verifica della clientela, previo accreditamento e con pagamento dei diritti di segreteria; l'individuazione quindi del titolare effettivo dovrebbe semplificarsi (a pagamento), ma il condizionale è d'obbligo.

Obbligo a carico dei trust
Con il comma 3 dell'articolo 21 viene disposto lo stesso obbligo di comunicazione al registro delle imprese a carico dei trust produttivi di effetti giuridici rilevanti a fini fiscali, secondo quanto disposto dall'articolo 73 del Tuir; in questo caso l'accesso ai dati è consentito al Ministero dell'economia e delle finanze, all'Unità di Informazione Finanziaria, al Nucleo di Polizia Valutaria della Guardia di Finanza, ai professionisti obbligati all'adeguata verifica della clientela, mentre viene esclusa la consultazione da parte delle autorità preposte al contrasto dell'evasione fiscale. 

Modalità della comunicazione
Il comma 5 dell'articolo 21 prevede che le modalità della comunicazione verranno stabilite con apposito decreto del MEF di concerto con il MISE.

Fonte: http://www.studiofranco.eu
Notizie
Ieri
In tema di concorso per l'accesso alla pubblica amministrazione, la controversia in materia di annullamento...
 
Ieri
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato la Circolare ministeriale 14 febbraio 2018, n. 102159...
 
Ieri
Dopo nove mesi di completo silenzio, La Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore,...
 
Ieri
In data 20 febbraio 2018 Assirevi ha pubblicato, nella sezione Checklist del proprio sito internet, due...
 
Ieri
Cassa Forense informa gli iscritti che, dal 1° marzo 2018, sarà attivato il nuovo servizio di Information...
 
Ieri
Mancano pochi giorni alle elezioni del 4 marzo e, sia per i datori di lavoro che per i Consulenti del...
 
altre notizie »
 

Studio Dott.ssa Marisa Cecoli

Via dei Prati Fiscali, 215 - 00141 Roma (RM)

Tel: 0625210968 - Fax: 06233201556

Email: info@studiocecoli.it

P.IVA: 06335641004