Telefono e Fax

Tel: 0688650368 Fax: 06233201556

Commercialista, Mediatore Civile, Consulenza del Lavoro
Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato

La sanatoria per le violazioni di natura formale

Venerdì 22/03/2019

a cura di Meli e Associati


Le irregolarità, le infrazioni e le inosservanze di obblighi o adempimenti, di natura formale, non rilevanti sulla determinazione della base imponibile ai fini delle imposte sui redditi, dell’Iva e dell’Irap e sul pagamento dei tributi, possono essere sanate pagando 200 euro per ognuno dei periodi d’imposta cui si riferiscono (articolo 9, Dl 119/2018).

Non rientra nell’ambito di applicazione della regolarizzazione, ad esempio, la mancata presentazione delle dichiarazioni dei redditi, Irap o Iva, poiché questa omissione è rilevante per la determinazione della base imponibile (anche nel caso di assenza di imposta dovuta).
Si ricorda che le violazioni formali si distinguono da quelle “meramente formali” (che non sono mai punibili ai sensi dell’art. 6 comma 5-bis, Dlgs 472/1997) in quanto possono comunque determinare un pregiudizio all’esercizio delle azioni di controllo da parte dell’Amministrazione finanziaria.

Possono essere regolarizzate le violazioni formali, per cui sono competenti gli uffici dell’Agenzia delle entrate a irrogare le relative sanzioni amministrative, commesse fino al 24 ottobre 2018 (data di entrata in vigore del Dl 119/2018) dal contribuente, dal sostituto d’imposta, dall’intermediario e da altro soggetto tenuto ad adempimenti fiscalmente rilevanti, anche solo di comunicazione di dati.
Non possono essere regolarizzate con la definizione agevolata:
  • le violazioni formali di norme tributarie relative ad ambiti impositivi diversi da quelli in materia di Iva, Irap e imposte sui redditi (e relative addizionali), imposte sostitutive, ritenute alla fonte, crediti d’imposta e relativo pagamento dei tributi
  • le violazioni formali relative a un rapporto esaurito, ossia un procedimento concluso in modo definitivo al 19 dicembre 2018 (data di entrata in vigore della legge di conversione del Dl 119/2018)
  • le violazioni formali relative a un rapporto pendente al 19 dicembre 2018, ma in riferimento al quale sia intervenuta una pronuncia giurisdizionale definitiva oppure altre forme di definizione agevolata prima del versamento della prima rata della somma dovuta per la regolarizzazione
  • gli atti di contestazione o irrogazione delle sanzioni emessi nell’ambito della procedura di collaborazione volontaria disciplinata dall’articolo 5-quater, Dl 167/1990 (voluntary disclosure), compresi gli atti emessi a seguito del mancato perfezionamento della procedura
  • le violazioni formali relative agli obblighi di monitoraggio fiscale, all’imposta sul valore delle attività finanziarie all’estero (Ivafe) e all’imposta sul valore degli immobili all’estero (Ivie).


Per il buon esito della sanatoria, è necessario:
  • rimuovere le irregolarità o le omissioni
  • versare, con F24, 200 euro per ciascuno dei periodi d’imposta cui si riferiscono le violazioni indicati nel modello di pagamento (se le violazioni non si riferiscono a un periodo d’imposta, bisogna fare riferimento all’anno solare in cui sono state commesse).


La rimozione delle irregolarità o delle omissioni deve essere effettuata entro il 2 marzo 2020.
Se l’interessato non ha effettuato, per un giustificato motivo, la rimozione di tutte le violazioni formali dei periodi d’imposta oggetto di regolarizzazione, la sanatoria è comunque efficace se la rimozione avviene entro un termine fissato dall’ufficio dell’Agenzia delle entrate, che non può essere inferiore a trenta giorni.
La rimozione, in ogni caso, deve essere effettuata entro il 2 marzo 2020 nell’ipotesi di violazione formale constatata o per la quale sia stata irrogata la sanzione o comunque fatta presente all’interessato. L’eventuale mancata rimozione di tutte le violazioni formali non pregiudica gli effetti della regolarizzazione sulle violazioni correttamente rimosse.
La rimozione, peraltro, non deve essere effettuata quando non sia possibile o necessaria in considerazione dei profili della violazione. È il caso, ad esempio, delle violazioni relative all’errata applicazione del meccanismo dell’inversione contabile (reverse charge).

Il provvedimento del 15 marzo 2019, che ha disposto le regole per la definizione agevolata delle violazioni formali, stabilisce anche che:
  • il contribuente può scegliere quali e quanti periodi d’imposta regolarizzare. La sanatoria di violazioni formali che non si riferiscono a uno specifico periodo d’imposta (come, ad esempio, quelle relative alla comunicazione di dati da parte di soggetti diversi dal contribuente) deve fare riferimento all’anno solare in cui la violazione è stata commessa
  • il mancato perfezionamento della regolarizzazione non dà diritto alla restituzione di quanto versato
  • il perfezionamento della regolarizzazione non comporta la restituzione di somme a qualunque titolo versate per violazioni formali, salvo che la restituzione debba avvenire in base a una pronuncia giurisdizionale o a un provvedimento di autotutela
  • con riferimento alle violazioni formali commesse fino al 31 dicembre 2015, oggetto di un processo verbale di constatazione (Pvc), anche successivo al 24 ottobre 2018, sono prorogati di due anni i termini per la notifica dell’atto di contestazione o di irrogazione
  • è possibile rivolgersi agli uffici dell’Agenzia delle entrate per ricevere assistenza sulla regolarizzazione.


La risoluzione n. 37/E del 21 marzo 2019 ha istituito il codice tributo “PF99” (denominato “violazioni formali - definizione agevolata - art. 9 del Dl n. 119/2018”), deve essere esposto nella sezione “Erario” dell’F24, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”. In ogni caso, non è possibile avvalersi della compensazione.

Nel campo “anno di riferimento” va indicato il periodo d’imposta - nel formato “AAAA” - a cui si riferisce la violazione. Se le violazioni non si riferiscono a un determinato periodo d’imposta, invece, va riportato l’anno solare in cui sono state commesse le violazioni. Infine, i contribuenti con periodo d’imposta non coincidente con l’anno solare devono evidenziare l’anno in cui termina il periodo d’imposta per il quale le violazioni sono regolarizzate.

Il versamento può essere effettuato in due rate di pari importo, la prima entro il 31 maggio 2019 e la seconda entro il 2 marzo 2020. È consentito anche il pagamento in un’unica soluzione entro il 31 maggio 2019. In caso di versamento in forma rateale, nel campo “rateazione/Regione/Prov./mese rif.” vanno scritti il numero della rata in pagamento e il numero complessivo delle rate (ad esempio: “0102”, nel caso di pagamento della prima delle due rate; “0101”, se si paga in un’unica soluzione).
Notizie
Oggi
Gli interventi di sostituzione, riparazione o rinnovamento degli infissi esterni nonché il rifacimento,...
 
Oggi
Non è violato il principio di neutralità perché le operazioni Iva maturate ante fallimento, avendo...
 
Oggi
Sebbene nel secondo trimestre si sia verificata una leggera ripresa, permane il cattivo stato di salute...
 
Oggi
L'Osservatorio su fallimenti, procedure e chiusure di impresa di Cerved è il report trimestrale che...
 
Venerdì 20/09
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 209 del 06-09-2019 è stato pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio...
 
Venerdì 20/09
Confimi Industria appoggia lo sciopero di lunedì 30 settembre e martedì 1° ottobre indetto dalle associazioni...
 
Venerdì 20/09
L'Inps ha pubblicato l'Osservatorio sul Reddito di Cittadinanza con i dati aggiornati al 4 settembre...
 
Venerdì 20/09
Con il Messaggio n. 3359 del 17 settembre l'Inps, rivolgendosi agli operatori economici e alle strutture...
 
Venerdì 20/09
Con lo scopo di rispondere alle esigenze e alle richieste di formazione da parte dei propri iscritti...
 
Venerdì 20/09
La Corte di Cassazione, Sezione III Penale, con la sentenza n. 37532 dell'11 giugno 2019 si è espressa...
 
Giovedì 19/09
Garantire scambi equi e trasparenti attraverso un ambiente web affidabile, un sistema di gestione dei...
 
Giovedì 19/09
Se il Comune rilascia un permesso di costruire, ma poi si accorge di aver sbagliato e lo annulla in autotutela,...
 
Giovedì 19/09
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha reso disponibili sul proprio portale una serie di risposte alle...
 
Giovedì 19/09
Rispetto al primo trimestre del 2019 si registra un aumento dell'occupazione dello 0,6% rispetto al...
 
Giovedì 19/09
L'articolo 7 decreto-legge 3 settembre 2019, n. 101 ha apportato modifiche all'articolo 4 sexies del...
 
Mercoledì 18/09
Il Cert-PA ha rilevato tentativi di frode informatica effettuati via PEC ai danni di professionisti e...
 
Mercoledì 18/09
Sono stati pubblicati, sulla Gazzetta Ufficiale n. 215 del 13 settembre 2019, tre decreti del Ministero...
 
Mercoledì 18/09
E' stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 197 del 23 agosto 2019, il decreto del Ministro dell'Interno...
 
Mercoledì 18/09
Con un Comunicato Stampa del 13 settembre scorso l'Agenzia delle Entrate ha informato i contribuenti...
 
Mercoledì 18/09
L'evasione fiscale in Italia (110 miliardi di euro l'anno) è poco più della metà dei costi a carico...
 
Mercoledì 18/09
Con la sentenza n. 22928 del 13 settembre 2019 la Corte di Cassazione Civile, Sezione Lavoro, ha dichiarato...
 
Martedì 17/09
La presentazione di un'autocertificazione, resa in sede di dichiarazione sostitutiva di atto notorio...
 
altre notizie »
 

Studio Dott.ssa Marisa Cecoli

Via dei Prati Fiscali, 215 - 00141 Roma (RM)

Tel: 0688650368 - Fax: 06233201556

Email: info@studiocecoli.it

P.IVA: 06335641004