Telefono e Fax

Tel: 0688650368 Fax: 06233201556

Commercialista, Mediatore Civile, Consulenza del Lavoro
Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato

La compensazione del credito IVA dal 1 gennaio 2018

Lunedì 08/01/2018

a cura di AteneoWeb S.r.l.


Il credito IVA maturato al 31 dicembre 2017 può essere utilizzato in compensazione con altre imposte e contributi (compensazione "orizzontale" o "esterna"), già a decorrere dalla scadenza del 16 gennaio 2018 (codice tributo 6099 - anno di riferimento 2017), ma solo fino al limite massimo di 5.000 euro.

Da quest'anno l'eventuale credito eccedente i 5.000 euro potrà invece essere utilizzato a partire dal decimo giorno successivo a quello di presentazione della dichiarazione annuale IVA ma soltanto se la dichiarazione IVA annuale riporterà il visto di conformità rilasciato da un professionista abilitato. In alternativa all'apposizione del visto di conformità è possibile far sottoscrivere la dichiarazione dall'organo incaricato ad effettuare il controllo contabile, il limite è elevato a 50.000 euro per le start-up innovative.

Quest'anno la dichiarazione IVA può essere presentata dal 1° febbraio 2018 fino al 30 aprile 2018.

Ai sensi delle novità introdotte dal Decreto Legge 50/2017, in tutti i casi di utilizzo a compensazione del credito IVA, il pagamento di ogni singolo modello F24 dovrà avvenire esclusivamente con modalità telematiche (Fisconline/Entratel) e non è più consentito l'utilizzo dell'home banking.

La trasmissione telematica delle deleghe di pagamento recanti compensazioni di crediti IVA che superano l'importo annuo di 5.000 euro può essere effettuata non prima che siano trascorsi dieci giorni dalla presentazione della dichiarazione o dell'istanza da cui il credito emerge, indipendentemente dalla data di addebito indicata.

La Legge di Bilancio 2018 ha introdotto la possibilità che il pagamento del modello F24 in compensazione venga sospeso, per un massimo di 30 giorni, in presenza di profili di rischio, al fine di controllare l'utilizzo del credito. La delega è eseguita se, all'esito del controllo, il credito risulta correttamente utilizzato oppure una volta "decorsi trenta giorni dalla data di presentazione delle delega di pagamento".

Per chi avesse maturato nel 2016 un credito IVA compensabile, non interamente utilizzato in compensazione nel corso del 2017, potrà proseguirne l'utilizzo (codice tributo 6099 - anno 2016) fino a quando non sarà presentata la dichiarazione annuale IVA per il 2017, all'interno della quale il credito dell'anno precedente sarà', per così dire, "rigenerato" andandosi a sommare al credito IVA maturato nel 2016.

Ricordiamo, sempre in tema di compensazioni, che dal 2011 sono operative le disposizioni contenute nell'art. 31 del D.L. n. 78/2010, che ha previsto:
  • da un lato il divieto di utilizzare in compensazione i crediti erariali in presenza di debiti superiori a 1.500 euro per i quali sia scaduto il termine di pagamento (pena l'applicazione di una sanzione del 50% dell'importo indebitamente compensato),
  • e, dall'altro, la possibilità di pagare, anche in parte, i ruoli erariali tramite compensazione.


Si precisa anche che la disciplina sulla compensazione dei crediti IVA sopra illustrata riguarda soltanto la compensazione "orizzontale" o "esterna" dei crediti IVA, e non anche la compensazione cosiddetta "verticale" o "interna", ossia la compensazione dei predetti crediti con l'IVA dovuta a titolo di acconto, di saldo o di versamento periodico.

Il decreto fiscale collegato alla legge di Bilancio 2017, convertito in legge n. 225/2016 ha innalzato da 15.000 a 30.000 euro l'ammontare di eccedenza IVA a credito che può essere richiesta a rimborso senza la necessità di prestare la garanzia o l'asseverazione. L'innalzamento del limite non però riguardato l'ipotesi della compensazione ma solo quella del rimborso.

Qui il link all'articolo riferito alla compensazione del credito IVA dal 1° gennaio 2017.
Notizie
Venerdì 22/06
L'INPS, con la Circolare n. 74 del 25 maggio 2018, ha illustrato la disciplina del Fondo di solidarietà...
 
Venerdì 22/06
Con il provvedimento n. 232 del 18 aprile 2018, inserito nella newsletter del 29 maggio 2018, il Garante...
 
Venerdì 22/06
A prescindere dalla misura della partecipazione al consorzio, spetta al Prefetto, nell'esercizio di un...
 
Venerdì 22/06
Con la Risoluzione n. 45/E del 19 giugno 2018 l'Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per...
 
Venerdì 22/06
Il Ministero della Giustizia ha pubblicato la Circolare del 14 giugno 2018 in tema di cooperazione internazionale...
 
Venerdì 22/06
Sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea del 19 giugno 2018 è stata pubblicata la Direttiva (UE)...
 
Venerdì 22/06
L'ANCI ha pubblicato il volume "Il personale degli Enti Locali - Le assunzioni", un quaderno...
 
Giovedì 21/06
Con il provvedimento del 18 giugno 2018 l'Agenzia delle Entrate ha individuato le anomalie nei dati degli...
 
Giovedì 21/06
Sono in arrivo dall'Agenzia delle entrate-Riscossione le comunicazioni, per coloro che hanno aderito...
 
Giovedì 21/06
Nell'area "Comunicazione" del portale INAIL sono state pubblicate utili schede informative, redatte dai...
 
Giovedì 21/06
Con l'ordinanza n. 15788 del 15 giugno 2018 la Corte di Cassazione Civile ha sancito che nell'ipotesi...
 
altre notizie »
 

Studio Dott.ssa Marisa Cecoli

Via dei Prati Fiscali, 215 - 00141 Roma (RM)

Tel: 0688650368 - Fax: 06233201556

Email: info@studiocecoli.it

P.IVA: 06335641004