Telefono e Fax

Tel: 0688650368 Fax: 06233201556

Commercialista, Mediatore Civile, Consulenza del Lavoro
Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato

DURC - L'autocertificazione con dati non rispondenti al vero configura il reato di falso ideologico ex art. 483 C.P.

Martedì 17/09/2019, a cura di TuttoCamere.it


La presentazione di un'autocertificazione, resa in sede di dichiarazione sostitutiva di atto notorio di regolarità contributiva (c.d. DURC) con contenuto ideologicamente falso, in forza dell'obbligo di dichiarare il vero sancito dall'art. 76 del D.P.R. 445/2000, integra il reato di cui all'art. 483 Codice penale: Falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico.
Lo ha confermato la Cassazione penale, Sez. V, con la sentenza n. 32859 del 22 luglio 2019, emessa su ricorso proposto dal Procuratore della Repubblica di Asti, che si era opposto alla sentenza del Tribunale di Asti che aveva assolto un imprenditore dal reato di cui all'art. 483 cod. pen. perché il fatto non costituisce reato, escludendo la rilevanza penale del fatto pur in presenza di un'autocertificazione, resa in sede di dichiarazione sostitutiva di atto notorio, ideologicamente falsa.

Secondo il consolidato orientamento di legittimità - ricorda la Corte - "il delitto di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico è configurabile solo nei casi in cui una specifica norma giuridica attribuisca all'atto la funzione di provare i fatti attestati al pubblico ufficiale, così collegando l'efficacia probatoria dell'atto medesimo al dovere del dichiarante di affermare il vero".
Tale principio è stato ripreso e confermato da numerose pronunce conformi, talune delle quali riferite alla fattispecie ex art. 76 D.P.R. n. 445 del 2000 in relazione all'art. 483 Cod. pen. (Sez. 5, n. 16275 del 16 marzo 2010, secondo la quale integra il delitto di falso ideologico commesso dal privato in atto pubblico la condotta di colui che, in sede di dichiarazione sostitutiva di atto notorio resa ai sensi dell'art. 47 d.P.R. n. 445 del 2000, allegata ad istanza preordinata ad ottenere il passaporto, attesti falsamente di non avere mai riportato condanne penali).

Nella delineata prospettiva, è stato sottolineato - scrive la Corte - come l'atto disciplinato dalle norme di cui agli artt. 46 e 47 del Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa sia per sua natura «destinato a provare la verità» delle circostanze in esso affermate, che concernono fatti, stati e qualità personali.
In siffatte ipotesi, la natura pubblica dell'atto è stata desunta anche dalla sua naturale destinazione a provare la verità dei fatti in esso affermati, a sua volta evincibile dalla funzione di comprovare stati, qualità personali e fatti, che le due disposizioni richiamate assegnano alle dichiarazioni sostitutive di atti notori e di certificazioni.
Siffatta interpretazione si fonda sulla ratio e sul tenore letterale della legge, che intende attribuire alle suddette autodichiarazioni la qualità di atti pubblici e secondo la quale «le dichiarazioni sostitutive rese ai sensi degli artt. 46 e 47 sono considerate come fatte a pubblico ufficiale», il linea con l'art. 2699 cod. civ., che definisce la nozione di atto pubblico in riferimento al soggetto - notaio o altro pubblico ufficiale - che lo emana secondo le previste formalità, ed al potere conferitogli ad attribuirgli pubblica fede.

Secondo l'art. 76 D.P.R. 445/2000, le dichiarazioni sostitutive ex artt. 46 e 47 sono considerate come rese a pubblico ufficiale, essendo la qualità del destinatario del tutto idonea a sancirne la destinazione ad essere trasfuse in atto pubblico.

In particolare, l'art. 47, in tema di «Dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietà» stabilisce la sostituzione dell'atto di notorietà concernente stati, qualità personali o fatti che siano a diretta conoscenza dell'interessato con una dichiarazione resa e sottoscritta dal medesimo con la osservanza delle modalità di cui all'articolo 38.
Il secondo comma della norma aggiunge che la dichiarazione resa nell'interesse proprio del dichiarante può riguardare anche stati, qualità personali e fatti relativi ad altri soggetti di cui egli abbia diretta conoscenza.
Il terzo comma della norma - nell'ottica dichiarata del perseguimento dell'obiettivo della semplificazione amministrativa - prevede che, fatte salve le eccezioni espressamente previste per legge, nei rapporti con la pubblica amministrazione e con i concessionari di pubblici servizi, tutti gli stati, le qualità personali e i fatti non espressamente indicati nell'articolo 46 siano comprovati dall'interessato mediante la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.
E' dunque evidente ed incontestabile - scrive la Corte - la specifica funzione probatoria delle dichiarazioni ex art. 46 e 47 D.P.R. 445 del 2000 in quanto dimostrative di stati, qualità personali o fatti che siano a diretta conoscenza dell'interessato dichiarante.

Nel quadro così delineato, s'appalesa evidente, secondo la Corte, l'errore di diritto in cui è incorso il Tribunale di Asti.
La falsa autodichiarazione in disamina sostituisce il documento unico di regolarità contributiva (c.d. DURC) attraverso una dichiarazione resa alla pubblica amministrazione avente natura di autocertificazione ex art. 76 D.P.R. n. 445/2000 in merito ad una qualità del dichiarante - regolarità INPS e INAIL - rilevante anche al fine di prevenzione e controllo dell'evasione. Con la conseguenza che solo il possesso della predetta autocertificazione - che tiene luogo del rilascio del DURC da parte degli enti interessati - legittima il dichiarante ad essere parte di una serie di rapporti pubblicistici.
Di guisa che la stessa natura della attestazione sostituisce, da un lato, una pubblica certificazione ed è, dall'altro, destinata a pubblico ufficiale, come specificamente statuito dal citato art. 76 d.P.R. 445/2000; mentre è l'art.47 ad attribuire, con formulazione generale e omnicomprensiva, efficacia probatoria alle dichiarazioni del privato rivolte alla pubblica amministrazione, sostitutive dell'atto di notorietà concernenti stati, qualità personali o fatti che siano a diretta conoscenza dell'interessato.
Ed è, pertanto, in virtù di siffatto parametro normativo che l'imputato ha attestato l'adempimento di obblighi contributivi previsti dalla legge invece inevasi, con ciò falsamente rappresentando l'esistenza di una qualità - la regolarità contributiva - del dichiarante invece insussistente.
Deve, pertanto, essere affermato il principio - conclude la Corte - per cui la presentazione di dichiarazione sostitutiva di regolarità contributiva (c.d. DURC) con contenuto ideologicamente falso, in forza dell'obbligo di dichiarare il vero sancito dall'art. 76 D.P.R. 445/2000, integra il reato di cui all'art. 483 Codice penale.

Per scaricare il testo della sentenza n. 32859/19 clicca qui.

Fonte: https://www.tuttocamere.it
Notizie
Oggi
Con l'ordinanza n. 20660 del 29.09.2020 la Corte di Cassazione ci avverte delle gravi conseguenze derivanti...
 
Oggi
Ricordiamo che l'articolo 99 del decreto legge n. 104/2020 (cosiddetto "Decreto Agosto"), pubblicato...
 
Oggi
L'articolo 1, commi da 219 a 223 della Legge n. 160/2019 (legge di Bilancio 2020) ha introdotto una detrazione...
 
Oggi
Con il Comunicato Stampa del 29 settembre 2020 il Ministero dell'Economia e delle Finanze informa del...
 
Oggi
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con Decreto del 4 agosto 2020 ha confermato per l'anno...
 
Oggi
I permessi ex art. 33, comma 6, della legge n. 104 del 1992 sono riconosciuti al lavoratore portatore...
 
Ieri
La dichiarazione dei sostituti d'imposta (Modello 770/2020, per anno d'imposta 2019), deve essere presentata,...
 
Ieri
L'interesse fiscale va oltre il limite fissato dall'articolo 2220 cc, e amplia il termine di tenuta dei...
 
Ieri
La Corte di Cassazione, Sez. I Civile, con la Sentenza n. 19824 del 22 settembre 2020 ha chiarito che...
 
Ieri
L'Inail informa che, dal 25 settembre, le imprese che hanno raggiunto o superato la soglia minima di...
 
Ieri
L'Ispettorato Nazionale del Lavoro, con la Nota n. 749 del 25 settembre 2020, ha risposto ad alcuni chiarimenti...
 
Ieri
Con l'interessante Risoluzione n. 60 del 28 settembre 2020 l'Agenzia delle Entrate, rispondendo ad un...
 
Ieri
Qualche volta anche le sentenze della Corte di Cassazione possono non essere condivisibili. Con l'ordinanza...
 
Martedì 29/09
Con la Risoluzione n. 58/E del 25 settembre 2020 l'Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo...
 
Martedì 29/09
Con nota n. 265948 del 31 luglio 2020 l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli - Direzione Giochi, ha chiesto...
 
Martedì 29/09
Con Avviso pubblicato sul proprio portale il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ricorda che,...
 
Martedì 29/09
Con lo scopo di favorire il rafforzamento del settore turistico fortemente penalizzato dalla crisi economica...
 
Martedì 29/09
Il 24 settembre scorso Cassa Forense, nell'ambito del progetto di welfare attivo contenuto nel Regolamento...
 
altre notizie »
 

Studio Dott.ssa Marisa Cecoli

Via dei Prati Fiscali, 215 - 00141 Roma (RM)

Tel: 0688650368 - Fax: 06233201556

Email: info@studiocecoli.it

P.IVA: 06335641004