Telefono e Fax

Tel: 0688650368 Fax: 06233201556

Commercialista, Mediatore Civile, Consulenza del Lavoro
Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato

Acquisti online in ambito europeo, le conciliazioni ODR per risolvere le controversie

Giovedì 29/11/2018

a cura di ADUC - Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
Le ODR (Online Dispute Resolution) sono conciliazioni, tecnicamente risoluzioni stragiudiziali, introdotte a livello europeo per le controversie nate da acquisti di beni o servizi avvenuti ONLINE e disciplinate dal Regolamento UE 524/2013.



Si tratta di una procedura molto utile per il consumatore europeo considerando quanto sia difficile affrontare un contenzioso con una controparte straniera e quanto spesso si acquista online incontrando problematiche per le quali spesso una soluzione "amichevole" trovata a distanza risulta più che sufficiente.

Queste conciliazioni si svolgono online con l'ausilio di appositi organismi, detti organismi ODR, attraverso un sito approntato dalla commissione europea dal quale il consumatore può avviare la pratica compilando un reclamo, la cosiddetta "piattaforma ODR" attiva dal 2016.

Gli organismi ODR, lo precisiamo, sono organismi che fanno parte della più ampia categoria degli ADR (Alternative Dispute Resolution) che si occupano in generale delle conciliazioni del consumatore -sia nazionali che transfrontaliere- in vari ambiti e livelli secondo norme uniformate a livello europeo. La particolarità degli ODR è che si occupano esclusivamente delle controversie nate da transazioni avvenute online, via internet.

CONTROVERSIE COINVOLTE
Come già detto sono coinvolte le controversie che hanno per oggetto contratti di vendita di beni o servizi offerti e stipulati via internet, ONLINE, ovvero per i quali il professionista offre i propri "prodotti" attraverso un sito web o altri mezzi elettronici utilizzati dal consumatore. Per mezzi elettronici si intende ogni strumentazione elettronica per il trattamento e l'archiviazione di dati inviati trasmessi e ricevuti INTERAMENTE via cavo, via radio, via mezzi ottici o tramite altri mezzi elettromagnetici.

LA PIATTAFORMA ODR
La piattaforma ODR, sviluppata dalla commissione europea, è in pratica un luogo virtuale, un sito, dove viene resa accessibile l'attività di mediazione per tutti i consumatori e le imprese europee, gestito quindi in più lingue e ad utilizzo gratuito.

Le funzioni della piattaforma sono:
- mettere a disposizione un modulo di reclamo elettronico da compilarsi a cura della parte ricorrente (che presenta domanda di conciliazione);
- informare del reclamo la controparte (parte convenuta);
- individuare l'organismo ODR competente e trasmettere il reclamo all'organismo individuato dalle parti;
- consentire alle parti e all'organismo di condurre online la procedura;
- fornire alle parti e all'organismo la traduzione delle informazioni necessarie per risolvere la controversia;
- mettere a disposizione un modulo elettronico per trasmettere le informazioni;
- mettere a punto un sistema di feedback per consentire alle parti di esprimere il proprio punto di vista sul funzionamento della piattaforma;
- rendere pubbliche una serie di informazioni (guide online, informazioni varie, dati statistici, etc.).

Si arriva a questa piattaforma attraverso vari siti della Commissione europea compreso il portale "La tua europa" di informazione e consulenza per il cittadino europeo. L'accesso diretto è dal sito della commissione europea alla pagina "Risoluzione online delle controversie".

INFORMAZIONI AL CONSUMATORE E PUNTO DI CONTATTO
I professionisti stabiliti nell'UE che vendono beni o servizi online forniscono nei loro siti web un link alla piattaforma ODR, facilmente accessibile al consumatore. Devono anche essere indicati i propri indirizzi di posta elettronica.
Se il venditore si fosse accordato per usare un organismo ODR particolare o se tale accordo si applicasse collettivamente al suo settore il link suddetto dovrà essere inserito ANCHE nelle offerte via mail e nelle condizioni contrattuali.

Come riferimento per informazioni e assistenza c'è anche il "punto di contatto" che il regolamento ha previsto debba essere istituito in ogni paese UE. Per l'Italia ci si deve rivolgere al Centro europeo consumatori italia.

PROCEDURA La procedura per il consumatore si svolge con

1) Presentazione del reclamo online utilizzando il modulo presente sul sito della piattaforma ODR, allegando se necessario documentazione di supporto. Il reclamo viene inviato alla controparte dalla piattaforma.
2) Individuazione dell'organismo ODR. E' da premettere che le parti devono scegliere un organismo ODR a cui affidare la mediazione, altrimenti questa non può svolgersi. Il consumatore può indicare un organismo sul modulo di reclamo, oppure uno o più organismi possono essere proposti dalla piattaforma; in ogni caso, dal momento che il reclamo viene inviato alla controparte/professionista, questa può confermare la scelta del consumatore o della piattaforma oppure indicare un organismo diverso se, per accordi propri, è tenuta a ricorrerne. La controparte ha dieci giorni per rispondere, la risposta viene inviata al consumatore che può accettare o meno tenendo comunque presente che un accordo sull'organismo da utilizzare va trovato entro 10 giorni.
3) Invio del reclamo all'organismo ODR scelto da parte della piattaforma.
4) accettazione -o meno- della pratica da parte dell'organismo che avvisa le parti anche riguardo alle proprie norme di funzionamento e agli eventuali costi della procedura.
5) svolgimento della mediazione il cui esito deve essere comunicato entro 90 giorni di calendario. In caso di controversie particolarmente complesse il termine può essere prorogato a discrezione dell'organismo ODR, con comunicazione alle parti.

Note:
- tra gli organismi ODR vi sono molte camere di commercio che, lo ricordiamo, sono ottimi interlocutori in generale per le conciliazioni del consumatore. L'elenco degli ODR è sul sito della Commissione europea
- l'organismo ODR non deve imporre la presenza fisica delle parti o di loro rappresentanti a meno che ciò non sia previsto dalle norme di funzionamento che, come già detto, devono essere comunicate alle parti.
- l'organismo ODR non conduce la mediazione necessariamente tramite la piattaforma.

Attenzione, se le parti non riescono a trovare un accordo entro 30 giorni sull'organismo ODR da utilizzare o se l'organismo rifiuta di trattare la controversia, il reclamo NON viene trattato e la parte ricorrente sarà informata sulla possibilità di contattare il punto di contatto italiano (vedi sopra) per informazioni su strade alternative di ricorso.

RIFERIMENTI NORMATIVI E LINK UTILI
- Regolamento UE 524/2013
- Sito MISE con informazioni
- Punto di Contatto ODR per l'Italia (Centro europeo consumatori italia)

di Rita Sabelli

Fonte: https://www.aduc.it
Notizie
Venerdì 19/07
Sul sito del CNCDCEC la notizia che il Consiglio Nazionale ha differito al 1° gennaio 2020 la data in...
 
Venerdì 19/07
L'Agenzia delle Entrate ricorda che c'è tempo fino al 23 luglio per inviare il 730 precompilato. Ancora...
 
Venerdì 19/07
E' partita il 17 luglio scorso la consultazione pubblica per acquisire le osservazioni di operatori economici,...
 
Venerdì 19/07
Sul sito internet dell'Inps è disponibile il simulatore del riscatto di laurea, tramite il quale è...
 
Venerdì 19/07
L'incentivo "Occupazione sviluppo Sud", previsto dal decreto direttoriale n. 178 del 19 aprile 2019...
 
Venerdì 19/07
L'Autorità Nazionale Anticorruzione ha presentato il quarto rapporto sul Whistleblowing, Nel 2018 l'Anac...
 
Venerdì 19/07
Con 197 sì, 47 astensioni e nessun voto contrario, il 17 luglio scorso il Senato ha approvato in via...
 
Giovedì 18/07
Con la risposta n. 250 del 16 luglio 2019 l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che, in mancanza del requisito...
 
Giovedì 18/07
Con la Risposta n. 248 del 16 luglio 2019 l'Agenzia delle Entrate ha affermato che non sono deducibili...
 
Giovedì 18/07
Il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti informa che, lo scorso 15 luglio, è partita la consultazione...
 
Giovedì 18/07
La normativa regionale può prevedere che i limiti di sosta e gli obblighi di spostamento per l'esercizio...
 
Mercoledì 17/07
Con parere del 1° luglio 2019, n. 170828, il Ministero dello sviluppo economico, in risposta ad un quesito...
 
Mercoledì 17/07
Con il messaggio n. 2679 del 12 luglio 2019 l'INPS fornisce indicazioni in merito all'erogazione e alla...
 
Mercoledì 17/07
I supremi giudici ribadiscono un principio già chiarito ma che, nella prassi, registra tipicamente doglianze...
 
Mercoledì 17/07
Con la risposta n. 241 del 15 luglio scorso l'Agenzia delle entrate ha chiarito che i coniugi che vogliono...
 
Martedì 16/07
Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili ( CNDCEC) ha pubblicato sul...
 
Martedì 16/07
A decorrere dal 1° luglio 2019 è a pieno regime la piattaforma informatica del Servizio Contratti Pubblici...
 
Martedì 16/07
Con il provvedimento del 12 luglio 2019 l'Agenzia delle Entrate indica le modalità con le quali sono...
 
Martedì 16/07
Dubbi su come presentare la dichiarazione di successione online? Tutte le risposte alle domande più...
 
Martedì 16/07
Il Consiglio dei Ministri, nella seduta n. 65 dell'11 luglio 2019, ha approvato un disegno di legge delega...
 
Martedì 16/07
Le Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 30475 del 10 luglio 2019, hanno...
 
Lunedì 15/07
Dal 9 luglio è attivo sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate software che permette ai sostituti...
 
Lunedì 15/07
In una delle risposte fornite nella sezione dedicata alla precompilata l'Agenzia delle Entrate chiarisce...
 
altre notizie »
 

Studio Dott.ssa Marisa Cecoli

Via dei Prati Fiscali, 215 - 00141 Roma (RM)

Tel: 0688650368 - Fax: 06233201556

Email: info@studiocecoli.it

P.IVA: 06335641004