Telefono e Fax

Tel: 0688650368 Fax: 06233201556

Commercialista, Mediatore Civile, Consulenza del Lavoro
Istituto Nazionale per la Mediazione e l'Arbitrato

2018: il versamento del superbollo sulle autovetture - tassa imbarcazioni

Martedì 09/01/2018

a cura di Studio Valter Franco


La tassa sulle imbarcazioni (unità da diporto) è stata abolita dal comma 366, articolo 1 della legge n. 208/2015, mentre per l'anno 2018 non risulta abrogato l'obbligo di corrispondere "l'addizionale erariale alla tassa automobilistica" (comunemente definito "superbollo") da parte dei proprietari (o possessori nel caso di contratti di locazione finanziaria) di autovetture con potenza superiore ai 185 chilowatt. Di seguito vengono sinteticamente e schematicamente illustrate le norme e le modalità di versamento di tale tassa.

Soggetti: qualsiasi proprietario o detentore in locazione finanziaria di veicolo per trasporto di persone e cose con potenza superiore ai 185 chilowatt (persone fisiche, società etc.). Si ribadisce che il versamento per i veicoli in locazione finanziaria va effettuato dall'utilizzatore.

Termine di versamento: entro il termine di versamento della tassa automobilistica "ordinaria".

Importo del versamento: 20 euro ogni chilowatt eccedente i 185 (salvo le riduzioni riportate nel successivo paragafo "Normativa") - per individuare la potenza in chilowatt consultare il campo P2 del libretto di circolazione del veicolo.

Modello di versamento: il versamento si effettua con modello F24 e con la compilazione della sezione "Elementi identificativi".

Codici tributo
  • "3364" denominato "Addizionale erariale alla tassa automobilistica - art. 23, c.21, d.l. 98/2011";
  • "3365" denominato "Addizionale erariale alla tassa automobilistica - art. 23, c.21, d.l. 98/2011 - Sanzione";
  • "3366" denominato "Addizionale erariale alla tassa automobilistica - art. 23, c.21, d.l. 98/2011 - Interessi";
  • nella sezione "CONTRIBUENTE" i dati anagrafici e il codice fiscale del soggetto versante;
  • nella sezione "ERARIO ED ALTRO" in corrispondenza degli "importi a debito versati":
    • il campo "tipo" è valorizzato con la lettera "A";
    • il campo "elementi identificativi" è valorizzato con la targa dell'autovettura/autoveicolo;
    • il campo "codice" è valorizzato con il codice tributo;
    • il campo "anno di riferimento" è valorizzato con l'anno di decorrenza della tassa automobilistica, nel formato AAAA (esempio: l'annualità riferita ad un bollo, validità dodici mesi, con scadenza aprile 2018 è il 2018, in quanto il pagamento della tassa automobilistica copre in tal caso il periodo a partire da maggio 2018).


Normativa
Comma 21 articolo 23 del D.L. 6/7/2011 n. 98

21. A partire dall'anno 2011, per le autovetture e per gli autoveicoli per il trasporto promiscuo di persone e cose e' dovuta una addizionale erariale della tassa automobilistica, pari ad euro dieci per ogni chilowatt di potenza del veicolo superiore a duecentoventicinque chilowatt, (vedi infra le modifiche: ora 20 euro e per potenza superiore ai 185 chilowatt) da versare alle entrate del bilancio dello Stato. A partire dall'anno 2012 l'addizionale erariale della tassa automobilistica di cui al primo periodo e' fissata in euro 20 per ogni chilowatt di potenza del veicolo superiore a centottantacinque chilowatt.

L'addizionale deve essere corrisposta con le modalita' e i termini da stabilire con Provvedimento del Ministero dell'Economia e delle Finanze, d'intesa con l'Agenzia delle Entrate, da emanarsi entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione. In caso di omesso o insufficiente versamento dell'addizionale si applica la sanzione di cui all'articolo 13 del D. Lgs 18 dicembre 1997, n. 471, pari al 30 per cento dell'importo non versato.

D.L. 6.12.2011 n. 201 - articolo 16 - comma 1
"A partire dall'anno 2012 l'addizionale erariale della tassa automobilistica di cui al primo periodo e' fissata in euro 20 per ogni chilowatt di potenza del veicolo superiore a centottantacinque chilowatt.".

15-ter. L'addizionale di cui al comma 1 e' ridotta dopo cinque, dieci e quindici anni dalla data di costruzione del veicolo, rispettivamente, al 60, al 30 e al 15 per cento e non e' piu' dovuta decorsi venti anni dalla data di costruzione.................. I predetti periodi decorrono dal 1º gennaio dell'anno successivo a quello di costruzione.

Informazioni reperibili sul sito internet dell' Agenzia delle Entrate - sul sito è possibile calcolare anche l'importo del superbollo dovuto - utilizza il seguente Link.

Fonte: http://www.studiofranco.eu
Notizie
Venerdì 22/06
L'INPS, con la Circolare n. 74 del 25 maggio 2018, ha illustrato la disciplina del Fondo di solidarietà...
 
Venerdì 22/06
Con il provvedimento n. 232 del 18 aprile 2018, inserito nella newsletter del 29 maggio 2018, il Garante...
 
Venerdì 22/06
A prescindere dalla misura della partecipazione al consorzio, spetta al Prefetto, nell'esercizio di un...
 
Venerdì 22/06
Con la Risoluzione n. 45/E del 19 giugno 2018 l'Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per...
 
Venerdì 22/06
Il Ministero della Giustizia ha pubblicato la Circolare del 14 giugno 2018 in tema di cooperazione internazionale...
 
Venerdì 22/06
Sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea del 19 giugno 2018 è stata pubblicata la Direttiva (UE)...
 
Venerdì 22/06
L'ANCI ha pubblicato il volume "Il personale degli Enti Locali - Le assunzioni", un quaderno...
 
Giovedì 21/06
Con il provvedimento del 18 giugno 2018 l'Agenzia delle Entrate ha individuato le anomalie nei dati degli...
 
Giovedì 21/06
Sono in arrivo dall'Agenzia delle entrate-Riscossione le comunicazioni, per coloro che hanno aderito...
 
Giovedì 21/06
Nell'area "Comunicazione" del portale INAIL sono state pubblicate utili schede informative, redatte dai...
 
Giovedì 21/06
Con l'ordinanza n. 15788 del 15 giugno 2018 la Corte di Cassazione Civile ha sancito che nell'ipotesi...
 
Giovedì 21/06
La Corte di Cassazione Civile, con l'ordinanza n. 12052 del 17 maggio 2018, ha stabilito che il dottore...
 
Mercoledì 20/06
E' stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 117 del 22 maggio 2018, il decreto 10 aprile 2018, con...
 
Mercoledì 20/06
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato la circolare n. 177355 del 23 maggio 2018 con cui...
 
altre notizie »
 

Studio Dott.ssa Marisa Cecoli

Via dei Prati Fiscali, 215 - 00141 Roma (RM)

Tel: 0688650368 - Fax: 06233201556

Email: info@studiocecoli.it

P.IVA: 06335641004